LETTERATURA IN SCENA: MANUALE DI DECOMPOSIZIONE 

€ 10,00 ACQUISTA

LETTERATURA IN SCENA: MANUALE DI DECOMPOSIZIONE 

TEATRO STABILE d’ABRUZZO

Dove e quando

sabato 17 Luglio 2021, 21:30
Auditorium del Parco

Aggiungi al calendario

regia Giuseppe Dipasquale
di
Paolo Isotta
con Geppy Gleijeses


ACQUISTO BIGLIETTO ONLINE OBBLIGATORIO
€ 10,00 ACQUISTA

A causa delle avverse previsioni meteorologiche lo spettacolo “Manuale di decomposizione”, di Paolo Isotta, con Geppy Gleijeses e la regia di Giuseppe Dipasquale, secondo appuntamento della trilogia “Letteratura in scena”, programmato per sabato 17 luglio alle ore 21,30 sarà spostato all’Auditorium del Parco. Restano validi i biglietti acquistati e le prenotazioni effettuate, è possibile continuare ad acquistare i biglietti e ad effettuare nuove prenotazioni fino ad esaurimento posti.

Manuale di decomposizione, che fa parte del volume C’eravamo tanto a(r)mati uscito ancora per Settecolori nel 1984 e poi riedito nel 1998, è un capolavoro di scrittura del compianto Paolo Isotta, critico musicale, musicologo e scrittore italiano scomparso nel febbraio di quest’anno. Il testo rappresenta anche una memoria intima, quasi una confessione che Isotta fa oltre che al lettore a se stesso. Potrebbe essere datato appena l’altro ieri, nulla avendo gli anni sbiadito del testo né reso inattuale, mutando solo le contingenze non le essenze autobiografiche. Anzi, il trascorrere del tempo sembra avere attualizzato alcune osservazioni di allora, come veggenti di un domani che – adesso – s’è compiuto: “Chiuderà, si chiuderà, finirà, ma nel giro di pochissimi anni, un determinato tipo, non tanto di trasmissione del pensiero basato sul segno scritto, quanto di concezione del pensiero”.

È una cesura non improvvisa, ma un taglio graduale e progressivo con il “mondo di ieri” cui Isotta ha assistito consapevole ma non inerte a fronte della sua ineluttabilità: “La mia generazione – ribadisce Isotta in Musica sacra e Bellezza – per fortuna resterà qui: altre proveranno il linguaggio unico significare il ritorno verso l’urlo originario, e invece che un’infinita innocenza, un’infinita corruzione”.


Top